Pin It
Trova la Giusta Nicchia per il Tuo Business Online

Come iniziare a costruire un e-commerce di nicchia

Photo Credit: Junior Libby

Photo Credit: Junior Libby

Se abbiamo deciso di entrare a far parte del settore commerciale online, dobbiamo realizzare un sito e-commerce.

L’ e-commerce rappresenta il punto vendita virtuale, dove noi mettiamo in esposizione i prodotti o i servizi che vogliamo offrire. Esso, inoltre, svolge la duplice funzione di vetrina e negozio, per cui è molto importante che venga progettato con cura.

La realizzazione di un e-commerce e dei suoi elementi fondamentali varia in base alla tipologia di merce che viene proposta e al proprio pubblico di riferimento.

Ad esempio, servizi quali una consulenza per aziende o una seduta di coaching richiederanno una struttura del sito ben diversa rispetto a chi vende prodotti.

Ed è proprio di questi ultimi che ci occuperemo.

Come strutturare un e-commerce per vendere prodotti?

Sia che vendiamo abbigliamento, prodotti tipici regionali, accessori per auto o articoli per ufficio, il portale e-commerce presenta determinate caratteristiche, che sono fondamentali al corretto funzionamento del nostro negozio online e alla sua agevole fruibilità da parte degli utenti-clienti.

L’e-commerce deve essere innanzitutto a portata di utente. Questo è sicuramente uno degli aspetti più importanti.

Il visitatore che arriva sul nostro portale deve sentirsi accolto, deve avere la possibilità di muoversi con agilità nel sito e di comprendere con immediatezza cosa vendiamo e come funziona la procedura di acquisto. Insomma, deve sapere che si trova nel posto giusto e che ciò che offriamo soddisfa le sue esigenze.

Il nostro portale deve essere in grado, cioè, di creare un’esperienza piacevole per l’utente, che sarà maggiormente invogliato a fare acquisti e a ritornare sul nostro e-shop.

Pensiamo quindi a realizzare una procedura d’ordine semplice, lineare e munita di spiegazioni dettagliate, così da evitare eventuali titubanze o momenti di esitazione nel cliente dovuti a mancanze del sito.

Creiamo dunque un percorso guidato: partendo dall’icona con il nome del prodotto selezionato, il passo successivo sarà la scelta di colori, forme, modelli e altre varianti del prodotto stesso e poi la quantità desiderata.

Strumenti grafici quali tabelle, griglie o caselle dove fare la spunta sono generalmente comprensibili e riassuntivi delle possibilità che il cliente ha per quel determinato prodotto.

In seguito presentiamogli il suo carrello, con prezzi e quantità inserite e la relativa possibilità di modificarle. Successivamente descriviamogli le modalità di pagamento a disposizione, con i relativi costi.

Questa fase dell’ordine è molto importante: è necessario essere il più chiari possibile, in modo da instaurare un rapporto di fiducia con l’utente e rassicurarlo sulla buona riuscita del suo acquisto.

Infine  terminiamo la procedura d’acquisto con una schermata riassuntiva, che il cliente potrà conservare fino all’arrivo della merce (un po’ come una ricevuta o uno scontrino fiscale).

In commercio ci sono diverse piattaforme disponibili, quali Prestashop, Magento, OsCommerce, Virtuemart (Joomla) o WooCommerce (WordPress), che ci forniscono una struttura di base da cui partire e personalizzare successivamente. L’importante è creare una via per lo shopping di facile utilizzo.

Se questi passaggi possono sembrare banali, in realtà non sempre si trovano e-commerce che guidano il cliente all’acquisto o che presentano procedimenti chiare e comprensibili, magari anche per chi non è un esperto di internet.

Quest’aspetto è fondamentale per due motivi. Il primo riguarda il pubblico raggiungibile; se il nostro sistema è scorrevole, troveremo clienti anche tra i più diffidenti di internet e dei mezzi informatici.

Il secondo motivo riguarda il rapporto che si instaura con l’utente: una procedura guidata sostituisce, in un certo senso, il ruolo del/la commesso/a in un negozio. In effetti, in un negozio online il cliente fa il suo shopping da solo e non ha nessuno che gli può spiegare dove e come trovare il prodotto che cerca. Una procedura d’acquisto guidata è un valido mezzo in questa direzione.

A questo proposito, dobbiamo organizzare un servizio clienti.

Proprio perché il cliente non ha un supporto concreto durante l’acquisto e non trova una persona che può rispondere ad eventuali domande e dubbi, è fondamentale che dotiamo il nostro e-commerce di un servizio di assistenza clienti preparato e disponibile, che conosca bene la nicchia in cui opera e le persone che la compongono.

Per farlo possiamo organizzare un centralino o comunicare con il cliente tramite mail o chat.

La diversità di mezzi di comunicazione messi a disposizione permette al cliente di contattarci nel modo che preferisce, sentendosi così ulteriormente a suo agio.

Il servizio di assistenza ai clienti, inoltre, rappresenta l’aspetto reale e umano, se così possiamo definirlo, di un negozio online: sapere che ci sono persone aldilà dello schermo del pc trasmette fiducia e sicurezza all’utente, che sa di potersi rivolgere a qualcuno in caso di bisogno.

Un ulteriore aspetto che gioca un ruolo chiave nella vendita di prodotti sul web riguarda la grafica e la presentazione dei prodotti. Dobbiamo sempre tenere presente che la pagina web rappresenta la nostra vetrina virtuale, per cui i prodotti devono essere esposti con ordine e divisi per categoria.

L’organizzazione in gruppi e sottogruppi è molto importante, in quanto aiuta l’utente nella ricerca e nella scelta di ciò che vuole acquistare.

Questo vale per qualsiasi tipo di prodotto vendiamo, come già accennato sopra, proprio come se stessimo allestendo un negozio nel mondo tradizionale. Chi comprerebbe mai magliette in un negozio dove i vestiti sono ammucchiati e i capi invernali sono insieme a quelli estivi?

Dunque dividiamo i prodotti in macro categorie e successivamente in sottocategorie, che consentano di individuare con maggior precisione il prodotto desiderato.

La divisione in categorie e sottocategorie può essere fatta anche in base al modo in cui gli utenti ricercano il prodotto sul web.

È importante conoscere le parole chiave (chiamate anche keywords) che vengono maggiormente utilizzate per ricercare un prodotto, in quanto ci consente di capire quali oggetti mettere in primo piano e quali, invece, possono essere messi in seconda fila o addirittura associati ad altri prodotti.

L’analisi di mercato è anche fondamentale per avviare la propria attività di vendita online e capire se il prodotto che vogliamo vendere ha la sua nicchia e, di conseguenza, il proprio pubblico.

Non possiamo buttarci nel mercato virtuale senza avere un’idea del tipo di domanda/offerta che c’è riguardo al nostro prodotto.

Grazie a strumenti quali Semrush.com, possiamo identificare le keywords relative al nostro business e capire in che modo lanciare la nostra attività online.

Pazienza, costanza e ingegno sapranno poi darci i risultati sperati.


Gloria Zaffanella è Public Relation Manager di Stampaprint S.r.l., azienda leader in Italia nel settore della stampa online. Dopo una carriera nel print marketing, Gloria ha studiato le dinamiche del search engine marketing per approfondire le molteplici opportunità di un loro utilizzo congiunto.

 

 

Share on Facebook
shadow-ornament

shadow-ornament

Scrivi un commento